Home Notizie sul gioco La scena post-crediti di Venom 2 ha implicazioni strabilianti per Venom di Tom Hardy

La scena post-crediti di Venom 2 ha implicazioni strabilianti per Venom di Tom Hardy

0
La scena post-crediti di Venom 2 ha implicazioni strabilianti per Venom di Tom Hardy

Eddie Brock nel suo Simbionte sta per partire per una nuova avventura davvero sfrenata, quindi è tempo di analizzare esattamente quello che è appena successo.

Quando Eddie chiede ulteriori informazioni su ciò che il simbionte sta nascondendo, lancia casualmente una grande bomba: “80 miliardi di anni luce di conoscenza dell’alveare attraverso gli universi farebbero esplodere il tuo piccolo cervello”. Esatto, non solo la specie Symbiote ha una qualche forma di mente alveare proprio come nei fumetti, ma apparentemente comprende anche l’intero multiverso. Non è chiaro se questa sia una vera mente alveare in cui tutti i simbionti condividono un’unica coscienza – tranne Venom, che si è liberato dall’alveare proprio come nei fumetti – o se è semplicemente un mezzo per i simbionti per condividere le informazioni mentalmente pur mantenendo l’individualità. Tuttavia, la scena non passa molto tempo a soffermarsi su questa rivelazione, perché è immediatamente seguita da una svolta ancora più grande.

Dopo che Venom ha detto che condividerà una piccola parte della sua conoscenza con Eddie, il mondo intorno a loro inizia a deformarsi e distorcersi. Lo spazio si piega mentre una brillante luce dorata risplende dallo sfondo, accompagnata da un rumore rimbombante. Il simbionte grida di sorpresa, indicando che qualunque cosa stia accadendo è completamente rimossa da ciò che stava per fare. Quando la distorsione si risolve, tutto rimane come prima… con la sola eccezione della TV, che ora trasmette un notiziario del Daily Bugle, completo di J.K. Simmons nel ruolo di J. Jonah Jameson, in particolare la versione del Marvel Cinematic Universe vista in Spider-Man: Far From Home.

Eddie è naturalmente spaventato e confuso da qualunque evento di deformazione della realtà sia appena avvenuto. Il simbionte insiste che non è da biasimare, ma inizia rapidamente a ringhiare con ostilità mentre nota il telegiornale. Venom si forma intorno a Eddie e si avvicina alla TV – e il volto che vede sullo schermo non è altro che quello di uno Spider-Man smascherato, alias Peter Parker, interpretato da Tom Holland. Sì, non ci sono dubbi, Venom di Tom Hardy è arrivato nel MCU. Venom è chiaramente amareggiato nei confronti di Peter da una sola occhiata, chiamandolo “Quel ragazzo…” mentre lecca minacciosamente lo schermo.

Leggi anche  Final Fantasy 14: 10 migliori oggetti ottenibili da Retainer Ventures

Inutile dire che questa breve scena ha implicazioni assolutamente enormi per il futuro di Venom di Tom Hardy. I fan hanno teorizzato per anni che Venom sarebbe entrato nel MCU, ma pochi sospettavano che sarebbe successo così rapidamente. È possibile che questo arrivo inaspettato sia il risultato dell’incantesimo del Dottor Strange in Spider-Man: No Way Home, che trasporta accidentalmente un classico cattivo di Spider-Man da un altro universo, proprio come il Dottor Octopus di Alfred Molina. Se è così, potremmo benissimo vedere di nuovo Venom molto presto in No Way Home, sia come breve cameo che come membro di quelli che si preannunciano essere i Sinistri Sei, soprattutto se si considera il foto recente di Tom Hardy che indossa un cappello da produzione per il film. Ovviamente, con Doc Ock e Green Goblin già in No Way Home, bilanciare tutti e tre i principali cattivi di Spider-Man in un film sarebbe piuttosto il compito, quindi è altrettanto probabile che Venom venga salvato per un’altra volta. I fan potrebbero potenzialmente vedere Peter ed Eddie incrociarsi in un futuro film solista di Spider-Man o Venom.

Ovviamente, indipendentemente da quando si affronteranno, non è ancora chiaro perché Venom sia così immediatamente ostile nei confronti di Peter. A giudicare dal dialogo precedente della scena, è facile presumere che Spider-Man faccia parte del misterioso passato di Venom. Ma anche così, la realtà domestica di Eddie e del Simbionte non sembra avere un proprio Spider-Man, quindi è improbabile che Venom abbia avuto incontri passati con Peter Parker. Tuttavia, ciò non significa che Venom non abbia familiarità con il web-slinger. Dopotutto, ha anche affermato che la mente dell’alveare Symbiote gli garantisce la conoscenza di altri universi. Quindi, stando così le cose, è del tutto plausibile che Venom conosca altri simbionti in altri mondi che hanno combattuto le loro varianti locali di Spider-Man. Infatti, con i film di Sam Raimi Spider-Man già confermati come parte del multiverso dell’MCU, il Venom di Tom Hardy potrebbe persino avere accesso ai ricordi del Venom di Topher Grace di Spider-Man 3 .

Ovviamente per ora si tratta solo di speculazioni. Attualmente, non c’è modo di sapere con certezza come Venom sia arrivato all’MCU, quando si presenterà di nuovo o perché odia Spider-Man. Per quanto ne sappiamo, Venom potrebbe diffidare di Peter solo per istinto. Ma mentre questa scena a metà dei titoli di coda ha creato molte domande senza risposta, una cosa è chiara: una resa dei conti tra Spider-Man e Venom si sta dirigendo verso l’MCU nel prossimo futuro, e questo da solo è un motivo per i fan di essere fiduciosi per il futuro di Venom di Tom Hardy.

Leggi anche  I 15 nemici più rari della serie The Witcher