Home Notizie sul gioco Questo film ha una visione davvero unica dei fantasmi

Questo film ha una visione davvero unica dei fantasmi

0
Questo film ha una visione davvero unica dei fantasmi

Il film sperimentale di Ken McMullen del 1983 Ghost Dance approfondisce il fenomeno dei fantasmi in un modo mai fatto prima

Ghost Dance inizia con un focus significativo sull’oceano e, per tutto il film, l’acqua è una costante. L’immagine dell’oceano indugia a lungo mentre le maree si precipitano dentro e fuori. Questa immagine oceanica ripetuta e allungata appare in tutto il film. Serve quasi come l’unico ancoraggio sicuro tra un’imboscata di scene che accelerano apparentemente slegate l’una dall’altra in conclusioni non sequitur. L’oceano è visto come l’unica cosa che non cambia mai; era lì quando vivevano questi fantasmi, ed è lì nel presente mentre gli spiriti sono resuscitati.

Il film più vicino a una trama stabile è incentrato su due donne, Pascale (Pascale Ogier) e Marianne (Leonie Mellinger), mentre vagano per Londra e Parigi. Le città sembrano desolate e desolate, forse a simboleggiare la nudità dei vivi, mentre le due donne continuano la loro ricerca di fantasmi. Mentre camminano, Derrida parla di diverse citazioni che enfatizzano e illuminano le loro esperienze. In una scena, Derrida cammina con le donne e dice: “La memoria è il passato che non ha mai avuto la forma del presente”.

I ricordi sono in realtà piuttosto ingannevoli nella loro interpretazione del passato. Questo perché sono profondamente influenzati da tutti i passaggi interconnessi che portano al momento attuale del ricordo. Ghost Dance è montato in modo tale da riflettere questa traiettoria: il montaggio delle scene è connesso in modo non lineare man mano che le sequenze si uniscono, ma senza alcuna chiusura o riferimento al luogo e al tempo. Alcune immagini sono più potenti di altre e risaltano da sole in modo più potente, proprio come spesso fanno i ricordi, ma nell’insieme diventano sinergiche.

Leggi anche  Diablo 2: Resurrected - Come costruire il Negromante evocatore

Attraverso un libero movimento della cinematografia con narrativa minima e sconclusionate di musica, immagini e voci fuori campo, lo spettatore è portato in un viaggio attraverso immagini e suoni. Queste immagini sembrano quasi allucinatorie, il che aggiunge uno strato molto palpabile di assorbimento fisico a una storia che coinvolge i fantasmi.

Proprio come il cinema è usato come evasione, Derrida crede che il cinema attinga alle menti e ai ricordi di coloro che lo guardano. Questo film porta a guardare al passato ea capire che i ricordi non sono forieri di verità. I ricordi si intrecciano e distorcono ciò che è la realtà. Mentre l’atto di ricordare qualcosa è nel momento presente, la memoria non lo è. Questo stesso atto di ricordare nel presente qualcosa di molto tempo fa di per sé non può essere affidabile a causa dell’impossibilità di separare la circostanza presente in cui ci si trova dal ricordo che stanno evocando. La memoria dell’evento letterale è stata alterata dal tempo e dalla distanza del suo verificarsi effettivo.

Derrida implica che i fantasmi che occupano il teatro non sono solo quelli che appaiono sullo schermo; lo spettatore proietta i propri fantasmi sulle immagini che guarda. Si riferisce a questi come “fantasmi personali”. Il confine della realtà nel cinema richiede alcune tecniche che disintegrano quel muro di credenze in quanto provocano una sospensione della fede da parte dello spettatore. Film di finzione, trame fantastiche e animazione non consentono allo spettatore di rinunciare a qualsiasi rifiuto di accettare che qualcosa sia reale o vero. Gran parte della procedura per dissolvere i bordi è nel processo di modifica.

Ghost Dance finisce come è iniziato, con una scena minimalista che offre un’immagine dell’oceano; nessuna narrazione viene trasmessa mentre le maree arrivano più robuste e più violente, inghiottendo le immagini e le carte sulla spiaggia di Pascale. L’oceano possiederà la vita di coloro che abitano le fotografie, che sono fantasmi della cosa reale. Questo approccio “slow cinema” all’insieme del film esalta l’enigma del fantasma. Tuttavia, questa lunga ripresa dell’oceano alla fine rivela il mistero della vita e il fantasma della scienza. Non c’è risoluzione, solo una costante rivisitazione alla vista dell’irresolutezza.

Leggi anche  Il fan di God of War crea la spada laser di Kratos