Home GR Originals Call of Duty: World in guerra potrebbe beneficiare di un remaster

Call of Duty: World in guerra potrebbe beneficiare di un remaster

0
Call of Duty: World in guerra potrebbe beneficiare di un remaster

Molti giocatori ritengono che la serie Call of Duty Black Ops di Treyarch sia iniziata con le opzioni Black Ops, del 2008 in guerra . Quando si discute dei migliori giochi che Call of Duty ha da offrire, raramente viene sollevato in quanto molti guardano ai suoi sequel quanto migliori esempi di ciò che può essere Call of Duty . Tuttavia, Call of Duty : World At War ha introdotto molti elementi che sarebbero diventati punti fondamentali di Call of Duty , e ha detto a uno dei più interessanti Storie che la serie abbia mai offerto.

In questo momento, il franchising Call of Duty si sta preparando a subire modifiche mentre Microsoft acquisisce Activision Blizzard. Alcuni credono che la serie eliminerà i titoli nuovi di zecca ogni anno e si concentreranno invece sul rendere il prossimo capitolo ancora migliore. Questa è una grande notizia per i fan che sono stati bruciati dalle rilasci annuali di Call of Duty , ma può anche avere un impatto significativo sul modello di business di Activision che si basa fortemente su queste versioni annuali. Per alleviare questo, forse sarebbe un buon momento per riempire gli anni vuoti con più remaster, dal momento che questi non sono inauditi ma raramente sono fatti, e in particolare i rosai al di fuori del franchising di guerra moderna .

World at War ha iniziato la trama di Black Ops

Call of Duty World At War è stato il primo capitolo della sottoinserie molto popolare. Sebbene non condivide il nome dei titoli che sono venuti dopo, la storia contiene molti personaggi che sono stati riportati nel resto della serie. All’epoca, la storia e il gameplay erano anche più maturi rispetto alle voci precedenti del franchise. Era anche molto più aperto rispetto al resto della serie e presenta una storia che mostra ai giocatori due lati della seconda guerra mondiale.

La storia di World at War ha seguito tre diversi personaggi in tutta la storia. I giocatori hanno potuto controllare Private Miller durante la campagna del Pacifico, Private Dimitri Petrenko sul fronte orientale e il sottufficiale Locke che funge da operatore di armi su una barca volante della Catalina PBY. Accanto a loro arrivarono i personaggi del sergente Viktor Reznov, del sergente Tom Sullivan e Private Polonsky. Personaggi come Reznov e Dimitri Petrenko fanno il loro ritorno nella campagna Black Ops .

La storia è stata presentata da due diversi lati, gli americani e i sovietici. Entrambe le campagne seguono i soldati mentre si fanno strada durante la seconda guerra mondiale. Il gioco non evita la brutalità della guerra in quanto presentava una maggiore violenza grafica rispetto ad altre voci del franchise. Fu il primo Call of Duty a includere la capacità di smembrare il nemico, ed all’epoca era uno dei ritratti più accurati della seconda guerra mondiale.

Leggi anche  La collezione PS plus sarà comunque di grande valore dopo il rinnovamento

World in guerra ha creato la modalità zombi

La modalità zombi è diventata un punto fermo del franchising Call of Duty , ma non sarebbe stato il caso senza World at War . Questo era gli zombi nella sua forma più elementare poiché era la prima iterazione prima che la serie aggiungesse un sacco di vantaggi, espedienti e un’intera trama. Erano semplicemente quattro giocatori che combattevano contro ondate illimitate di zombi in modalità divertente.

I giocatori ucciderebbero gli zombi e avrebbero ottenuto punti come loro. Questi punti verrebbero quindi utilizzati per comprare armi sparse sulla mappa e sbloccare nuove stanze che i giocatori avrebbero dovuto proteggere. Dovrebbero anche riparare barriere in legno che proteggevano le finestre e avrebbero dovuto fare del loro meglio per sopravvivere il più a lungo possibile. Divenne rapidamente una modalità preferita dai fan e tre mappe extra furono aggiunte nel DLC World at War per costruirlo ulteriormente.

Non è stata la modalità zombi più avanzata che Call of Duty abbia mai avuto, ma è stato il primo. La serie ha preso la modalità Zombies ed è stata eseguita con essa, aggiungendo tutti i tipi di cose nuove o provando versioni nuove come Call of Duty Black Ops 2 Tranzit. Può sembrare molto datato per questo, ma una versione rimasterizzata potrebbe aiutarlo a brillare di nuovo, anche se queste mappe sono state rielaborate o fissate in altri giochi. È sempre bello onorare ciò che è successo prima e dare a questa modalità zombi una nuova mano di vernice farebbe molto per onorare gli inizi di questo punto fermo del franchising Call of Duty .

World at War ha avuto un multiplayer piuttosto divertente

La maggior parte di Call of Duty è sempre il multiplayer e World at War non era diverso. Il multiplayer ha suonato molto come tutti gli altri titoli di Call of Duty all’epoca, ed è ciò che lo rende speciale. I giochi più recenti sono stati tutti criticati per la gestione del multiplayer mentre molti veterani della serie considerano l’era più antica di Call of Duty come alcuni dei migliori multiplayer in circolazione. Sono stati realizzati così tanti ricordi come World at War e saltando in una hall multiplayer, e un Remaster potrebbe aiutare a riportare quei giorni.

Leggi anche  PS Plus Extra aggiungendo 3 fantastici giochi cooperativi locali questo mese

Il multiplayer di World at War presentava sei diverse modalità che Call of Duty conosce tutti i giocatori. Modalità come il Team Deathmatch sono il punto focale di questo multiplayer e le mappe sono state tutte abbastanza divertenti. A differenza di alcuni nuovi giochi Call of Duty , il multiplayer qui ha offerto solo tre diversi premi di Killstreak. Questi arrivarono sotto forma di un aereo di ricognizione, uno sciopero di artiglieria e cani attacca. È molto semplice per gli standard di oggi, ma molto divertente nel corso della giornata.

World At War è stata anche la prima volta che la serie ha offerto un gameplay cooperativo insieme al multiplayer PVP. Il gioco ha offerto una campagna cooperativa che avrebbe permesso ai giocatori di classificare e sbloccare vantaggi per il multiplayer principale e che ha dato ai giocatori un motivo per continuare a rivisitarlo. Potrebbero farlo tramite schermo diviso con due persone o online con un massimo di quattro. Ha aggiunto una nuova dinamica al gioco che non era stato visto prima.

Un sacco di Call of Duty World at War può essere datato per gli standard di oggi, ma è qui che entra in gioco il potere del Remaster. Questo titolo ha introdotto molti dei punti del franchise, e ha anche dato il via alla sottoserie molto popolare. Merita di essere onorato con un restyling HD come alcuni giochi moderni moderni, e ora sarebbe il momento perfetto per consegnare.