Home Elenchi God of War: Gods che sono molto più potenti nella loro mitologia

God of War: Gods che sono molto più potenti nella loro mitologia

0
God of War: Gods che sono molto più potenti nella loro mitologia

La serie God of War è stata un’eccellente introduzione alla mitologia sia greca che norrena per molti giocatori. Le loro rappresentazioni di vari dei della mitologia europea hanno servito sia il brivido che la sfida, con la maggior parte delle divinità che appaiono nei giochi come personaggi centrali o combattimenti contro i boss.

Tuttavia, alcuni dei e divinità raffigurati nei giochi non sono affatto potenti quanto i loro miti originali. Presumibilmente, le seguenti dieci divinità dovevano ridotte i loro poteri per rendere vincibili gli incontri contro di loro in un contesto di gameplay.

; Intorno, con il nucleo emotivo della narrazione del gioco che raggiunge un livello completamente nuovo nel riavvio. Guardare Kratos ruotare dal personaggio di videogiochi più arrabbiati di tutti i tempi in un padre che vuole davvero fare di meglio per suo figlio è davvero un grande arco di personaggio e premia i giocatori che si sono bloccati con questo personaggio per molto tempo.

I giochi di God of War presentano ovviamente un gruppo di entità divine della mitologia norrena e greca. Questi dei sono estremamente potenti, motivo per cui portarli giù nei giochi è un vero spasso. Tuttavia, non si può negare che alcuni dei della serie siano semplicemente più deboli delle loro controparti dei videogiochi, con le più grandi disparità menzionate di seguito.

Freya: la dea del fuoco, amore, bellezza e fertilità

Freya ha avuto un ruolo importante in God of War 2018, aiutando il giocatore ad ogni passo del loro viaggio e dando a Kratos e Atreus i mezzi per affrontare numerose minacce sparse nei regni di Midgard. Ha anche aiutato un padre sconvolto quando Atreus era stata afflitta da una misteriosa malattia, motivo per cui è comprensibile il motivo per cui era sconvolta dopo che Kratos ha deciso di porre fine alla vita di Baldur per il bene invece di dare a Freya la possibilità di annullare i suoi illeciti.

Ciò fece rabbia la dea, mettendola in una posizione privilegiata per essere una delle antagoniste che avrebbero perseguitato Kratos e Atreus ogni passo durante il loro secondo viaggio. Mentre ha sicuramente poteri piuttosto impressionanti, non si può negare che la sua vera presenza mitologica sia molto più potente in molti modi. Il fatto che sia anche il dio della battaglia e della morte è qualcosa che non si perde su nessuno, ed è conosciuta per aver insegnato le vie della stregoneria anche all’Aesir!

Magni: il figlio di Thor

Magni è l’unico Dio norreno ad essere incluso in questo elenco, soprattutto perché molti dei principali giocatori della mitologia norrena non sono ancora apparsi nei giochi (come Odin e Thor) o sono stati rappresentati accuratamente. Naturalmente, questo è destinato a cambiare con l’avvento di God of War: Ragnarok , che è destinato a presentare diversi dei norreni che si troveranno con o contro Kratos.

Leggi anche  Tiny Tina's Wonderlands migliori e peggiori lezioni da solista

Come suo fratello Modi, Magni è raffigurato come eccezionalmente forte, andando testa a testa con Kratos in un combattimento con boss. Nella mitologia norrena, tuttavia, è stato affermato nella leggenda Skáldskaparmál che Magni era abbastanza forte da rovesciare un gigante da solo. È interessante notare che nient’altro si sa di Magni e assolutamente nient’altro che un nome e la sua relazione con Thor è nota su Modi.

Hermes: il dio del messaggero

Il set di inseguimento di Hermes attraverso una fatiscente città olimpica in God of War 3 è ricordato con affetto da molti fan e mostra accuratamente la velocità del Messaggero degli dei e la sua propensione per essere un truffatore.

Tuttavia, dove questa rappresentazione cade piatta è durante l’attuale combattimento del boss, poiché Hermes è raffigurato come relativamente indifeso contro il Kratos spietato. Nella mitologia, Hermes aveva molti poteri, tra cui la capacità di mettere mortali e semidei a dormire all’istante con l’aiuto del suo staff, il Caduceo (che manca nel gioco). È possibile che questa capacità sia stata tagliata, poiché ciò avrebbe fatto combattere un boss contro di lui un po ‘frustrante.

Afrodite: la dea dell’amore fisico

Afrodite fa solo un’apparizione fisica nei giochi, ed è abbastanza deludente. Appare in ritardo in God of War 3 come parte del minigioco “Sex”, una strana appuntamento della serie originale, con uno di questi che appare in ogni gioco della serie prima di God of War 2018. Sembra che gli ultimi giochi siano diventati più di buon gusto nella loro rappresentazione delle donne e la maggior parte delle persone apprezzerebbe che i membri del sesso più equo siano mostrati più come persone reali che trofei con cui i giocatori possono interagire tramite un po ‘piuttosto minigiochi grezzi.

Questa rappresentazione è estremamente deludente in quanto vede la dea dell’amore fisico ridotto al suo concetto molto semplice e la presenta come una figura che non è interessata alla guerra contro gli olimpionici. Ciò è doppiamente deludente considerando che Afrodite era una delle dee che causarono la guerra di Troia ed era noto per essere abbastanza potente da costringere i mortali a fare amore pazzo contro la loro volontà.

Efesto: il fabbro

Come sua moglie Aphrodite, anche l’apparizione di Efesto nella serie God of War è poco brillante. Mentre è un po ‘più rilevante per la trama della sua moglie estranea, il suo combattimento “capo” può appena essere descritto come uno, e se conta, allora è il più semplice della serie.

Leggi anche  Night in the Woods: 10 cose che potresti non sapere su Mae

Certo, quando Kratos incontra Efesto, è un’ombra del suo ex sé: una figura depressa e imprigionata che è costretta a lavorare per Olympus. Tuttavia, molti fan sono rimasti delusi nel vedere che il dio dei vulcani non aveva un combattimento di boss a tema magma o lava. Il fatto che sia un fabbro leggendario avrebbe potuto anche avere un ruolo in questa lotta, lasciando che lui o i suoi scagnozzi esercitino le sue potenti braccia per infliggere una tonnellata di dolore a Kratos durante questa battaglia.

Athena: la dea della saggezza

Uno dei personaggi principali del franchise, Athena è all’altezza del suo ruolo di grande influente e pensatore della serie, poiché è il dio che probabilmente lo ha modellato di più, a parte suo padre, Zeus. Tuttavia, non viene vista “fare” molto in termini di azioni fisiche nei giochi. Mentre è generalmente conosciuta nella mitologia greca per essere giusta e saggia, questo non significa che fosse al di sopra di usare i suoi poteri divini per tormentare i mortali.

Uno spietato spettacolo di potere che Atena piaceva dimostrare era trasformare i mortali in creature nuove, strane e persino terrificanti. È responsabile della creazione della mostruosa forma di Medusa (che era originariamente molto bella), così come la creazione del “ragno”, dove, secondo il mito di Arachne, ha trasformato un amante di Poseidon nell’originatore degli otto. Insetto a gambe per aver osato fare l’amore nel suo tempio.

Helios – La personificazione del sole

Il potere di Helios nei Giochi è abbastanza contraddittorio, con esso varia da un gioco in gioco. Come ci si aspetterebbe, quando originariamente introdotto nell’esclusiva dio della guerra: le catene di Olympus, , gli viene mostrato di avere abbastanza potere in lui per rovesciare le basi di Olympus. Questo livello di potere è accurato per la sua rappresentazione nella mitologia greca.

Tuttavia, se si vede più tardi nella serie, nelle furiose battaglie di God of War 3 , Helios è raffigurato come solo avere abbastanza potere per brillare una luce eccezionalmente brillante, ma non uno vicino da non abbastanza da distruggere intere strutture. Il fatto che la maggior parte delle persone conosca solo Helios per la natura brutale della sua scomparsa nel gioco dimostra quanto fosse debole la sua incarnazione nel gioco.

Typhon – il più potente di tutte le creature

Secondo il poeta e filosofo greco Apollodorus, Typhon era il più forte essere vivo, uno che era temuto da tutti e che era appena stato battuto a malapena dalla potenza combinata di tutti gli dei olimpici. È descritto come incredibilmente enorme, con “una delle sue mani che si allunga verso ovest e l’altra ad est, e da loro proiettava cento teste di Dragons”. È anche descritto come essere, in termini di forza grezza, di aver “superato tutta la prole della Terra”, questo dovrebbe renderlo, teoricamente, il personaggio più potente del franchise prima di God of War 2018 .

Se visto nei giochi, Typhon viene mostrato come abbastanza grande da essere il palcoscenico in cui appare, ma nonostante ciò, è tuttavia presentato come nient’altro che un inconveniente per il giocatore di non combattere davvero ma bypass.

Leggi anche  Giochi con la migliore grafica

Le sorelle del destino – quelle che decidono il tuo destino

I destini sono raffigurati come incredibilmente potenti nella loro apparizione come antagonisti secondari di God of War 2. Una delle sorelle, il vestito, si dimostra di essere in grado di invertire il tempo, mentre le altre due sorelle, Lachesi e Atropos e visti avere una pletora di attacchi magici e armi giganti. Ma questa rappresentazione impallidisce rispetto a quanto sono potenti nella mitologia greca.

I destini (altrimenti noti come Moirai) non erano considerati alla volontà degli dei; In effetti, in molti miti, sono raffigurati come decidere anche il destino degli stessi dei! Non solo, ma avevano anche il potere di porre fine immediatamente alla vita di chiunque, sia morale, Dio o Titano. Conoscendo questo livello di potere, diventa comprensibile che gli sviluppatori hanno scelto di avere i loro poteri in qualche modo attenuati.

Thanatos – Il dio della morte

Il cattivo principale di God of War: Ghosts of Sparta, Un’altra voce PSP della serie, Thanatos è raffigurato come un tipo di personaggio tradizionalmente sinistro “Grim Reaper”, uno che è responsabile dell’uccisione di molte persone Vicino a Kratos.

Nella sua apparizione principale nella mitologia greca , la “ teogonia”, Thanatos è ingannato dal re Sisifo per diventare incatenato in fondo agli inferi. Come risultato di ciò, nessun mortale è in grado di morire, con grande frustrazione di Ares, che poi libera Thanatos in modo che la guerra possa avere di nuovo il suo impatto mortale. Questo mito afferma essenzialmente che Thanatos è la ragione per cui i mortali muoiono e senza la sua influenza, i mortali potrebbero vivere per sempre. Un’esposizione più sottile di potere degli altri dei in questo elenco, ma forse, quella che ha la maggiore influenza sulla vita dei mortali.