Home Notizie sul gioco Perché ha senso non scegliere Charles Martinet come Mario per il film?

Perché ha senso non scegliere Charles Martinet come Mario per il film?

0
Perché ha senso non scegliere Charles Martinet come Mario per il film?

Certo, Mario non ha altra voce oltre a quella di Martinet, ma questo non significa che il mondo sia pronto per 90 minuti senza sosta.

I crediti cinematografici e televisivi di Martinet da quando è diventato Mario (perché non ci sono dubbi sul fatto che Martinet sia Mario) sono pochi e lontani tra loro e, soprattutto, niente di entusiasmante. Questo non è un disservizio per Martinet. Questa mancanza di attività è dovuta alla prolifica carriera dell’uomo nei giochi da quando ha trovato casa in Nintendo, ma il fatto è che i giochi Mario superano i loro livelli di esposizione a circa 20-30 milioni copie vendute, rispetto alle centinaia di milioni di persone che vanno a vedere i film Marvel e qualsiasi altra cosa in cui Pratt ha recitato.

Il casting di Pratt è una decisione presa nella sala del consiglio dai produttori esecutivi, qualcosa che difficilmente si può immaginare sia uscito dalla testa di Shigeru Miyamoto, ma quella parte è esattamente il motivo per cui Nintendo ha collaborato con Illumination per sviluppare questo film. Mario come film è crudo, non provato e, considerando i precedenti della maggior parte dei film sui videogiochi, una scommessa rischiosa nella migliore delle ipotesi. Basti dire che un film di Mario ha già una grande croce da sopportare senza doversi preoccupare di scegliere un attore protagonista sconosciuto alle parti più grandi di quello che sperano farà l’intero pubblico di destinazione del film .

Guardare Martinet al completo Mario e Luigi per periodi di tempo più lunghi è un piacere da guardare, almeno per le poche persone che sanno come suona da eventi speciali, convegni o dai social media di Martinet, ma lascia che affondi come suonerebbe tipo per 90 minuti di fila. Va benissimo mettere in dubbio il casting di Pratt, è palesemente il più grande disadattato dell’intero cast di Super Mario, ma solo perché Pratt potrebbe non essere il miglior Mario che si possa immaginare non rende immediatamente Martinet la scelta migliore o.

Leggi anche  I 20 Pokemon progettati meglio di tutti i tempi

È risaputo che gli attori di talento non portano necessariamente il pieno effetto delle loro esibizioni nella recitazione vocale, quindi un argomento ancora migliore potrebbe essere il motivo per cui Nintendo ha scelto di non ingaggiare doppiatori professionisti. Ovviamente, qui entra in gioco il potere delle star (e non il tipo di Mario), ma al contrario, nessuno dei due casi dovrebbe indurre nessuno a presumere che un tipo specifico di attore farà automaticamente un buon lavoro con un prodotto non provato come Mario.

I giochi Mario non hanno gli enormi budget di Cyberpunk 2077, Call of Duty, Grand Theft Auto o Red Dead Redemption al giorno d’oggi, indipendentemente dal fatto che ciò non impedisca loro di essere esperienze di gioco tripla A. Nel panorama cinematografico, è probabile che Super Mario si trovi nella regione di un budget di $ 100 milioni, più che sufficiente per fare un bel po’ di giochi Mario, quindi, di fronte a vale la pena portare Martinet per Nintendo?

Per quanto strano e inquietante possa essere non sentire Martinet interpretare Mario una volta uscito il primo trailer, il pensiero che Mario alla fine bombarda e che Martinet si prenda la colpa dovrebbe essere ugualmente spaventoso per i fan di Mario. Finora, la carriera di Martinet è priva di difetti, il che ovviamente non significa che non ci siano brutti giochi Mario, ma la voce dell’uomo non è da biasimare per quelli perché il doppiaggio (soprattutto in Mario < /em>games) è solo una piccola parte di un’esperienza e di un prodotto più grandi, come dimostrato da tanti grandi giochi con una scarsa recitazione che sono là fuori.

Il casting di Pratt sembra sbagliato, ma ad essere onesti, nessuno sa che tipo di film Mario hanno in mente Nintendo, Illumination e Miyamoto, solo che l’idraulico parlerà molto. Martinet è già nel film, ed è difficile immaginare che non avrà un ruolo nell’allenare Pratt a inchiodare il suo miglior Mario, quindi se Martinet stesso può fare pace con quell’idea, allora perché qualcun altro dovrebbe giudicare su questo?

Leggi anche  Sviluppatore veterano di Final Fantasy al lavoro su un nuovo gioco di Dungeon Encounters