Home GR Originals L’antico drago di Dark Souls 3 è stato un incontro interessante che non ha attaccato l’atterraggio

L’antico drago di Dark Souls 3 è stato un incontro interessante che non ha attaccato l’atterraggio

0
L’antico drago di Dark Souls 3 è stato un incontro interessante che non ha attaccato l’atterraggio

Mentre i boss preferiti dai fan della serie Dark Souls sono generalmente definiti dal combattimento deliberato e dall’alta difficoltà, lo spettacolo di questi incontri non può essere scontato. Tuttavia, alcuni combattimenti di boss come l’antica vivern in Dark Souls 3 si appoggiano troppo a quello spettacolo, lasciando il combattimento a soffrire di conseguenza.

Questo spettacolo può creare un’introduzione stellare al combattimento, soprattutto mentre l’arena inclina la telecamera per guardare l’antica Wyvern fare il suo ingresso e cercare immediatamente di calciare il giocatore a morte. L’unico problema con questa funzione di funzione è che mentre questo può essere uno degli incontri più visivamente interessanti in Dark Souls 3 , ritenendoti alla morte o tornando per un secondo playthrough ne perde molto Impatto iniziale.

La lunga marcia verso l’antico punto debole della vivern

Svilare gli aspetti tecnici e meccanici dell’antica viverna alle ossa nude rivela due fattori chiave nel perché questo è spesso considerato uno dei boss più deludenti in Dark Souls 3 . Il primo è il lungo percorso che il giocatore deve intraprendere per mettersi in posizione per fare effettivamente qualsiasi danno reale all’antica vivern in primo luogo. Questo inizia subito dal muro della nebbia all’arena del boss, dove i giocatori vengono immediatamente accolti dal boss e poi devono camminare sotto i suoi piedi prima di trovare la prima stanza sicura che è parzialmente vulnerabile al suo respiro antincendio.

Dopo aver eluso l’antica vivern, il prossimo ostacolo principale appare nella forma dei serpenti che abitano la maggior parte dell’area di picco di Archdragon. Questi nemici non sono impossibili da combattere, ma la loro capacità di allungare la testa in avanti e attaccare combo lunghe e titubanti può facilmente catturare un giocatore alla sprovvista. Mentre i serpenti sono gestibili, ce ne sono tonnellate sparse in tutta l’arena del boss, il tutto mentre il boss continua a dare fuoco a ogni nuova sezione del viaggio.

Leggi anche  La controversia "cancellata" toast mascherata ha spiegato la controversia

Quando si combattono effettivamente ai serpenti, ogni tentativo in questo viaggio può richiedere diversi minuti, essenzialmente comportandosi come il normale periodo di esecuzione verso un boss, ma con l’ulteriore vantaggio di avere un progresso del blocco del respiro al fuoco periodicamente. Cercare di correre oltre questi mob può essere peggiore, poiché la loro lunga portata rende difficile uscire dalla loro portata mentre scappa dal nemico fuori dallo schermo. A meno che il giocatore non stia usando una delle armi sopraffatte di Dark Souls 3 e fa esplodere attraverso i nemici, ogni tentativo diventa sempre più frustrante mentre si diverte meno. Tutto ciò è senza nemmeno considerare l’attacco finale effettivo all’antica Wyvern.

Un attacco incoerente che si tuffa

Per chiudere il combattimento, quando il giocatore raggiunge finalmente la piattaforma finale appesa proprio sopra la testa dell’antica Wyvern, ci vuole solo un attacco per finire il combattimento. Questo è un altro esempio dello spettacolo perfettamente esagerato, mentre il giocatore si immerge per far cadere l’arma nella testa dell’antica Wyvern e abbattere il boss con un singolo colpo. Tuttavia, per quanto impressionante sia, soprattutto la prima volta che un giocatore riesce a ottenere il colpo, può essere una grande delusione trasformare un’antica wyvern in uno dei boss più semplici di Dark Souls 3 .

Oltre a questo attacco tuffo deludente a causa dell’intera lotta che non è stato all’altezza dei draghi in precedenza i combattimenti più difficili nei titoli Dark Souls , i meccanici non sempre funzionano. C’è un modo in cui l’antica wyvern può alzare la testa, tentando di dare fuoco al giocatore, il che può causare una mancanza se il tuffo viene tentato mentre la testa non è in posizione. Oltre alle mancate mancate, a volte l’attacco immerge si rifiuta di connettersi, anche se sembra atterrare direttamente in cima all’antica Wyvern.

Leggi anche  The Elder Scrolls 6: Le principali città di High Rock hanno spiegato

Il risultato di questi diversi aspetti che si uniscono è uno dei combattimenti più belli in Dark Souls 3 che diventa rapidamente meno impressionante quando la corsa attraverso i nemici diventa noiosa e frustrante. È difficile buttare fuori una possibile soluzione per rendere più interessante la fine dell’antica vivern senza rifare il puzzle dalle anime di DEMON “. Fortunatamente, il boss DLC Darkeater Midir in seguito rende un incontro molto più interessante contro un drago gigante, con una barra di salute altrettanto gigante che corrisponda alle sue dimensioni.

Dark Souls 3 è ora disponibile per PC, PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X/S.