Home Film e TV The Wilds Season 2: dove è andato storto

The Wilds Season 2: dove è andato storto

0
The Wilds Season 2: dove è andato storto

La prima stagione di The Wilds è stato un successo immediato nel 2020. Creato da Sarah Streicher, la serie vede un gruppo di ragazze adolescenti diventare castaggi quando l’aereo dovrebbe Portali in un ritiro di ritiro delle Hawaiin su un’isola remota. Mentre le ragazze si adattano a ciò che li circonda e l’uno dell’altro, gli spettatori imparano che (avviso spoiler) non finì per caso. Invece, questo era l’elaborato schema del finto femminista Gretchen Klein (interpretato dalla brillante Rachel Griffiths), uno psicologo intenzionato a dimostrare i benefici di una società matriarcale.

Performance altamente originali e con eccezionali dalle attrici relativamente sconosciute, la prima stagione di The Wilds ha attirato un sacco di brusio; E seguendo il suo cliffhanger – la scoperta di un gruppo separato di naufraghi maschi – i fan non vedevano aspettare la seconda stagione. Sfortunatamente, dopo due anni di attesa, questa stagione si è rivelata meno Lord of the Flies e una sorpresa più sgradita. The Wilds La seconda stagione ha trascinato, ed ecco perché.

I ragazzi

Il più grande svantaggio della seconda stagione sono i ragazzi. Con il doppio dei personaggi della prima stagione e due episodi in meno, i ragazzi hanno allontanato l’attenzione dalle amate ragazze e hanno fatto sentire ogni episodio stipato. Lo spettacolo si è diffuso sottile introducendo otto nuovi personaggi e chiaramente aveva i suoi preferiti. Mentre nella prima stagione, ognuna delle ragazze ha ricevuto il proprio episodio di retroscena, in questa stagione, solo pochi ragazzi hanno ottenuto il loro e anche questi sono stati affrettati.

Gli spettatori non sanno quasi nulla di Josh (Nicholas Coombe) e Henry (Aidan Laprete), il che rende difficile fare il tifo per loro, e i personaggi che sanno non sono simpatici come le ragazze. Certo, alcuni personaggi – Seth (Alex Fitzalan) – non dovrebbero essere simpatici, e non tutti i personaggi devono essere “bravi” per essere buoni, ma i ragazzi non sono davvero niente . Nella migliore delle ipotesi, sono nella media e, nel peggiore dei casi, sono stereotipi noiosi. Henry e Ivan (Miles Gutierrez-Riley) sono personaggi particolarmente vuoti: Henry è un odioso Doom ed Emo oscuro che, durante l’interrogatorio, scoppia nel cantare la mia storia d’amore chimica e Ivan è una caricatura di Gen Z con il suo esagerato attivismo #woke che è mostrato per fare più danni che benefici.

Leggi anche  Sonic 2: Cosa dicono le nuove nocche sulla base di fan

La prima stagione di The Wilds si è distinta per sfidare gli stereotipi, e sebbene sia stato fatto uno sforzo in questa stagione con Kirin (Charles Alexander) e Seth-il jock iper-maschile con una bussola morale e il bravo ragazzo con intenzioni oscure – Con la maggior parte dei ragazzi, quello che vedi è quello che ottieni. Ciò è probabilmente dovuto al loro tempo limitato, il che potrebbe cambiare la terza stagione.

Le ragazze

Ovviamente gli spettatori hanno perso le ragazze, ma le scene che hanno ottenuto con loro sono state un po ‘prive. Sulla loro isola, Leah (Sarah Pidgeon) e alla fine Fatin (Sophia Ali) sono a Gretchen, Shelby e Toni (Mia Healey, Erana James) sono più forti che mai, Rachel (Reign Edwards) trova Dio, Martha (Clausola di Jenna) Fall In una trance e il punto (Shannon Berry) è … beh, lì. A causa della mancanza di azione sulla loro isola, sembra che lo spettacolo li includa per obbligo. Sapevano quanto gli spettatori li adorassero nella prima stagione e non volevano rischiare tutto con i ragazzi. Includendo entrambi i gruppi, volevano avere il meglio di entrambi i mondi, ma gli episodi erano disordinati per questo.

Come per i ragazzi, ci sono anche chiari favoriti con le ragazze in questa stagione. Leah ottiene una notevole quantità di screentime, Shoni (Shelby e Toni), Fatin e Martha ottengono un bel po ‘, Rachel ottiene un po’ e Dot non riceve quasi nessuno. Forse, ancora una volta, a causa del loro tempo limitato, le ragazze non hanno neanche molto sviluppo del personaggio in questa stagione. Shoni ha raggiunto lo sviluppo del personaggio di punta nella prima stagione, Martha è catatonica per metà della seconda stagione, Dot è quasi lì, Leah è pazzo che mai e Fatin è Fatin. Solo Rachel sembra essere cambiato, trovando conforto nella religione. Detto questo, le attrici hanno sfruttato al meglio ciò che è stato dato e la presenza delle ragazze era un antidoto per i ragazzi.

Leggi anche  Sollevato dai lupi avrà una seconda possibilità?

La scrittura

La sceneggiatura della seconda stagione è stata molto più corinosa della prima stagione. Sebbene la prima stagione abbia avuto i suoi momenti-la maggior parte di Leah, che era nella sua “verana” post-recuperata-la seconda stagione ha ampliato la rabbia a un livello completamente nuovo. Dalle ragazze (male) che cantano “casa” intorno al fuoco per Rachel serenate una coma Martha con il famigerato rap B.I.G “Juicy”, ci sono stati molti momenti in questa stagione che avrebbero dovuto essere dolci ma erano invece dolorosi da guardare.

E per quanto riguarda i ragazzi, Josh e Ivan hanno fornito molti momenti di palma da faccia; Josh dalla sua pietosa e fuoriesca resistenza – che, a difesa dello spettacolo, dovrebbe essere divertente – e Ivan dalla sua sincera ma prepotente resistenza. Gretchen Klein aveva anche la sua giusta dose di banali battute, poiché la seconda stagione la vide passare da uno psicologo non etico a una mente malvagia a pieno titolo che avrebbe messo in pericolo suo figlio per raggiungere i suoi scopi.

I (molti, molti) montaggi

La seconda stagione di The Wilds ha dimostrato che potresti avere troppo una buona cosa con i suoi molti, molti montaggi. I montaggi sono utili per condensare una storia più ampia per mostrare il passaggio del tempo e sono stati usati in questo modo in modo efficace nella prima stagione. Erano una parte vitale degli episodi delle ragazze e hanno aiutato il pubblico a conoscerli in breve tempo. La seconda stagione ha usato i montaggi in modo simile, ad esempio, nel retroscena di Seth, in cui gli spettatori danno un’occhiata al suo rapporto con Julia (Asher Yasbincek).

Leggi anche  Jim Carrey spiega i suoi pensieri sul Resto di Paul Dano nel Batman

Altre volte, tuttavia, questi montaggi venivano usati frivoli, apparentemente solo per passare il tempo. Sembra strano che lo spettacolo si preoccupasse di tali scene – dei gruppi non che non fanno alcuna importanza – quando i principali problemi della seconda stagione sono troppi personaggi e non abbastanza tempo. Una delle cose migliori della prima stagione è stata Shoni e guardare questi due opposti polari, Shelby e Toni, si innamorano. La seconda stagione capitalizza l’amore dei fan per la coppia spingendo i loro montaggi nei volti degli spettatori. Questi montaggi, che una volta erano carini, diventano improvvisamente molto ripetitivi e noiosi, che, per inciso, sono quanti si sentivano nella seconda stagione nel suo insieme. Termina un fantastico cliffhanger, tuttavia, si spera che la terza stagione salva la serie dall’essere un incidente aereo totale.

The Wilds è disponibile per lo streaming su Amazon Prime.